• 6
  • 10
  • 12
  • 7
  • 2
  • 4

dal 16 al 18 luglio€ 375

ALL'OMBRA DELL'AMIATA

Tour enogastronomico tra paesaggi Unesco e pievi d’autore
 

Un week - end meraviglioso, un frullato estivo di paesaggi e di meraviglie toscane, dalla mondanità di Castiglion della Pescaia alla travolgente bellezza delle terme di Saturnia passando dal borgo mozzafiato di Montemerano, alla selvaggia bellezza del Monte Amiata con il suo fascino di antico vulcano, le sue lussureggianti foreste di lecci e castagni per finire con il paesaggio delle crete punteggiato di casali e abbazie, il tutto condito dalla gustosa cucina toscana annaffiata da vini d’autore e circondati dai capolavori d’arte che dagli etruschi ai nostri giorni hanno reso questa terra uno dei luoghi che il mondo ci invidia.

• 1 GIORNO: CASTIGLIONE DELLA PESCAIA – MONTEMERANO – SATURNIA
Nella prima mattinata ritrovo dei partecipanti e partenza per la Toscana. Arrivo a Castiglione della Pescaia, caratteristico borgo marinaro arroccato su un promontorio della costa maremmana. Sulla sua sommità il castello aragonese, le mura, le torri e lo splendido panorama donano a questo luogo una bellezza disarmante. Tempo libero per il pranzo e una passeggiata nel borgo. Proseguimento per il famoso centro termale di Saturnia. La leggenda narra che Saturno un giorno si adirò con gli uomini, costantemente in guerra tra loro, prese un fulmine e lo scagliò sulla terra, facendo zampillare dal cratere di un vulcano un’acqua sulfurea e tiepida che tutto avvolse e tutto acquietò. Da quel grembo accogliente nacquero uomini più saggi e felici. L’acqua a Saturnia sgorga ancora oggi e attira con i suoi vapori sulfurei viaggiatori provenienti da tutto il mondo. Di straordinaria suggestione sono le Cascate del mulino, dove la sorgente termale ha scavato nella roccia una serie di piscine naturali accessibili gratuitamente e straordinariamente fotogeniche. Tempo libero per un bagno rilassante nelle calde acque delle Cascate del mulino oppure per una passeggiata nel bel borgo di Montemerano, caratterizzato da vicoli, piazzette e scorci pittoreschi su cui si affacciano piccoli balconi traboccanti di fiori. Situato su una collina tra Saturnia a Manciano, circondato dalla campagna maremmana, e protetto da ben tre cinte murarie, il piccolo centro ha mantenuto intatto l'aspetto medievale con la splendida chiesa, la rocca, le stradine pavimentate e la caratteristica piazzetta del castello circondata dagli edifici in pietra. Al termine sistemazione, cena e pernottamento in hotel.
• 2 GIORNO: ABBAZIA DI SANT’ANTIMO – ABBADIA DI SAN SALVATORE – MONTE AMIATA - SANTA FIORA
Prima colazione in hotel. Incontro con la guida e partenza alla volta dell’abbazia di Sant’Antimo, una delle testimonianze architettoniche più significative dell’epoca romanica, costruita a cavallo tra l’XI e il XII secolo, la cui magnificenza viene esaltata dal paesaggio circostante. Dal 2016 è sede attiva dei monaci benedettini di Santa Maria di Monte Oliveto, chiamati anche Olivetani. Proseguimento con l’Abbadia di San Salvatore, fondata nella seconda metà del secolo VIII per volere del re longobardo Rachis. La leggenda narra che la decisione fu presa dal re in seguito a un evento miracoloso di cui fu testimone: la Trinità apparve sulla sommità di un albero, intorno al quale fu in seguito edificata la cripta. Proseguimento per il Monte Amiata, salita fino alla vetta a 1700 metri, tempo libero per una passeggiata in cima al monte dove si potrà raggiungere la Croce monumentale in ferro, alta 22 metri, dovuta all'artigiano senese Zalaffi, il punto di riferimento della Vetta dell'Amiata, visibile dalle pianure e dalle vallate circostanti fino al mar Tirreno, all'Umbria e alla Val di Chiana. La costruzione della croce monumentale del monte Amiata fu decisa al termine del 1800 in seguito alle indicazioni di Papa Leone XIII che al fine di festeggiare l'Anno Santo del 1900 suggerì di innalzare, sulle cime di varie montagne sparse per l'Italia, venti croci che celebrassero la Redenzione, una per ogni secolo trascorso compreso il XX che stava ormai per vedere la luce. Pranzo in tipico rifugio. Nel pomeriggio proseguimento alla volta di Santa Fiora, città di dominio storico dei conti Aldobrandeschi, che nel corso del XIII secolo divenne uno dei centri più importanti della Toscana meridionale, fulcro della resistenza ghibellina al governo di Siena. Celebre è il verso «e vedrai Santafior com'è oscura» del VI canto del Purgatorio, dove la località è citata da Dante proprio per la sua appartenenza ghibellina. A tutt’oggi la città è ricca di tradizioni che si sono mantenute vive, a testimonianza di un grandioso passato quale antica capitale di questo versante della montagna. Visita del borgo e della Pieve delle Sante Flora e Lucilla, il monumento più importante e noto del paese. Al termine della visita rientro in hotel per la cena e il pernottamento.
• 3 GIORNO: BAGNO VIGNONI – SAN QUIRICO D’ORCIA – PIENZA – MONTEPULCIANO
Prima colazione in hotel. Partenza per Bagno Vignoni, un delizioso villaggio che sorge nel cuore della Toscana, all’interno del Parco Artistico Naturale della Val d’Orcia. Il centro del borgo è dominato dalla "Piazza delle sorgenti", una vasca rettangolare di origine cinquecentesca, che contiene una sorgente di acqua termale calda e fumante che esce dalla falda sotterranea di origini vulcaniche. Fin dall’epoca degli Etruschi le terme di Bagno Vignoni sono state frequentate da personaggi illustri, quali Papa Pio II, Caterina da Siena, e Lorenzo de’ Medici. Proseguimento per la visita di San Quirico d’Orcia, città di antiche origini etrusche, dal 2004 riconosciuta come Patrimonio mondiale dell’Umanità dall’UNESCO. Oggi custodisce gioielli storici quali la collegiata dei Santi Quirico e Giulitta, la chiesa di Santa Maria Assunta e i lussureggianti Horti Leonini, giardini situati negli antichi baluardi della città. Al termine proseguimento per Pienza, borgo rinascimentale voluto da Papa Pio II, umanista e poeta che qui nacque nel 1405, per realizzare le teorie rinascimentali di Leon Battista Alberti. Pranzo libero. Nel pomeriggio proseguimento per Montepulciano, borgo medievale di rara bellezza con eleganti palazzi rinascimentali, antiche chiese, splendide piazze e piccoli angoli nascosti. Da Montepulciano, inoltre, si gode di un favoloso e sconfinato panorama sulla Val d'Orcia e la Val di Chiana. Visita di questa bella cittadina con l’ampia e scenografica Piazza Grande con il Palazzo Comunale. Al termine partenza per il rientro, previsto in serata.


 PRENOTA PRIMA entro il 07 maggio: € 345 + q.i. 
QUOTA DI PARTECIPAZIONE:
 € 375 + q.i. 
ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA MEDICO, BAGAGLIO, ANNULLAMENTO, COVID: € 15 

SUPPLEMENTO SINGOLA: € 70

LA QUOTA COMPRENDE: Autobus GT - Hotel 4 stelle - Cene in hotel come da programma - Light lunch in rifugio - Guide locali come da programma - Auricolari per tutta la durata del tour - Nostro accompagnatore
LA QUOTA NON COMPRENDE: Bevande ai pasti - Ingressi a musei e monumenti - Tutto quanto non specificato alla voce: “La quota comprende” 

*Soggetti a riconferma

• Info del viaggiatore
• Quote di iscrizione
• Partenze e trasferimenti 
Dove prenotare



 VERSIONE PDF  >