• 4
  • 7
  • 2
  • 10
  • 6
  • 12

dal 18 al 22 agosto€ 560

SACRO E PROFANO

ROMA e la Ciociaria
 

Un viaggio in Ciociaria rappresenta una meta ideale per chi vuole riscoprire le antiche tradizioni, in una terra con un grande passato e tanti tesori nascosti che ne testimoniano la ricchezza culturale e naturalistica, abbazie e residenze papali, cinte murarie pelasgiche e borghi medioevali in un incantevole paesaggio naturale gustando piatti e prodotti tipici e tradizionali. Un angolo del Lazio dove il tempo sembra essersi fermato. E poi Roma, una città che riserva sempre meravigliose scoperte come il nostro itinerario sull’Aventino e sull’isola Tiberina, alla ricerca di quella magia che ha stregato i viaggiatori di tutto il mondo!!!

• 1 GIORNO: SUBIACO – FIUGGI
Nella prima mattinata incontro dei partecipanti e partenza per il Lazio. Arrivo a Subiaco e tempo libero per il pranzo. Visita dei monasteri benedettini di Santa Scolastica e il Sacro Speco. Il primo era in origine il più antico di tutti i monasteri benedettini e conserva al suo interno pregevoli opere d’arte che rendono particolarmente prezioso questo complesso monastico in cui nel 1465 furono pubblicati i primi libri a stampa in Italia. Il Sacro Speco fu eretto nel luogo in cui per due anni il giovane Benedetto si ritirò come eremita. La singolarità del santuario sta nella mirabile successione di ambienti collegati alle pareti rocciose del Monte Taleo impreziositi da affreschi di scuola romana, senese e umbro-marchigiana. Composto da due chiese sovrapposte e da cappelle e grotte interamente affrescate in epoche diverse, costituisce un monumento unico per bellezza e spiritualità. Trasferimento a Fiuggi, cittadina situata alle pendici dei Monti Ernici, circondata da una ricca vegetazione di boschi di castagno. La parte alta della città è caratterizzata da un dedalo di stradine e piazzette nelle quali è possibile immergersi nel fascino della ricca storia del luogo. La parte bassa della città è invece quella delle Terme, dove, nella Fonte di Bonifacio VIII ed in quella Anticolana si raccolgono le acque oligominerali "di Fiuggi", famose per le loro proprietà terapeutiche. Sistemazione, cena e pernottamento in hotel.
• 2 GIORNO: CERTOSA DI TRISULTI – ALATRI – ANAGNI
Prima colazione in hotel. Partenza per la visita della Certosa di Trisulti, grandioso complesso monastico immerso in uno dei paesaggi naturali più suggestivi e intatti della Ciociaria. Siamo sui Monti Ernici, paradiso degli erboristi con le loro innumerevoli quantità di specie arboree sapientemente studiate e sfruttate dai monaci. Gioielli del complesso monastico sono la Chiesa e l’Antica Farmacia, decorate nel corso del XVII-XVIII sec. da artisti napoletani. Proseguimento per Alatri, piccola gemma autentica, fondata su un colle dall’antico popolo italico degli Ernici. Di eccezionale valore storico è l’Acropoli, risalente al V secolo a.C. e racchiusa da mura megalitiche alte fino a 20 metri, nelle quali si aprono porte monumentali. Pranzo libero. Visita della città sacra, “disegnata da un raggio di sole” resta la maestosa acropoli in opera poligonale del IV sec. a.C. dove sorge il Duomo di San Paolo al cui interno è conservato il miracolo dell’Ostia Incarnata. Visita di Santa Maria Maggiore, dove è conservato il pregevole gruppo ligneo della Madonna di Costantinopoli che, insieme al grande polittico istoriato che lo completa, è considerato uno dei maggiori capolavori dell’arte romanica del XII secolo. Proseguimento per Anagni, posta su un’altura tra i Monti Ernici e la Valle del Sacco, che vanta uno dei più bei complessi architettonici medievali d’Italia. Tra il XII e il XIV secolo fu residenza papale e diede i natali a ben quattro pontefici, rendendola nota come la Città dei Papi. Visita guidata del centro storico, costituito da edifici eleganti ed austeri, da campanili e chiese romaniche, da logge e da piazze dall’architettura sobria ed essenziale. Visita del Palazzo papale di Bonifacio VIII, teatro di importanti avvenimenti storici, come il celebre “Schiaffo di Anagni”, insulto perpetrato al Papa da Guglielmo di Nogaret e Sciarra Colonna e la Cattedrale di Santa Maria Annunziata, tra i più notevoli monumenti romanici del Lazio, con la sua splendida cripta, i cui affreschi rappresentano uno dei più interessanti cicli pittorici del Duecento italiano. Al termine, rientro in hotel. Cena e pernottamento.
• 3 GIORNO: ABBAZIA DI CASAMARI -CASCATA DI LIRI – SERMONETA - ROMA
Prima colazione in hotel. Partenza per la visita della Abbazia di Casamari, grandioso complesso monastico che sorge solitario tra fitti boschi di querce. L’abbazia rappresentò un centro di spiritualità e di irradiazione culturale diramatosi in tutta la penisola nel corso del Medioevo. L’austerità dell’interno è un chiaro riflesso del pensiero del monaco Bernardo di Chiaravalle, mistico cistercense, che predicava la semplicità e la purezza architettonica di questi monasteri, operando una lotta iconoclasta a favore di un pensiero cristocentrico. I gioielli del complesso sono la chiesa del monastero, l’antica farmacia, entrambe decorate tra il XVII e il XVIII secolo da artisti napoletani, i chiostri con le celle ed il refettorio. Proseguimento per Isola del Liri e breve sosta per ammirare la celebre cascata del Liri, originale perché il fiume Liri, dopo aver attraversato il parco privato del Castello Boncompagni Viscogliosi, compie un salto di 30 metri proprio nel cuore del paese originando uno spettacolo davvero unico. Proseguimento per il borgo di Sermoneta, alla pendici dei Monti Lepini, tra i centri medievali meglio conservati del Lazio, con una struttura urbana tutta raccolta entro la cinta muraria e dominato dal Castello Caetani. Pranzo libero e visita del borgo. Al termine trasferimento al Giardino di Ninfa, uno dei giardini paesaggistici più belli d’Italia, voluto dalla famiglia Caetani tra i suggestivi ruderi della città medievale abbandonata di Ninfa. Partenza per Roma, “Caput mundi”. Sistemazione, cena e pernottamento in hotel.
• 4 GIORNO: ROMA
Prima colazione in hotel. Incontro con la guida e salita al colle dell’Aventino per la visita al Parco Savello, più noto come Giardino degli Aranci. Da questo angolo, tra i più amati della città, si gode una delle viste più belle di Roma. Il Parco Savello si estende nell'area dell'antico fortilizio eretto dalla famiglia dei Savelli tra il 1285 e il 1287 presso la chiesa di Santa Sabina sull'Aventino, su un preesistente castello fatto costruire dai Crescenzi nel X secolo. Il giardino, piantato ad aranci, con riferimento all'arancio presso cui predicava S. Domenico, fondatore dell'ordine, conservato nel vicino chiostro di S. Sabina e visibile tramite un foro aperto nel muro del portico della chiesa. Visita alla chiesa di Santa Sabina, fondata nel 425 da Pietro, prete di Illiria, su di un antico Titulus Sabinae, sorto probabilmente nella casa della matrona Sabina, la quale finì poi per identificarsi con la omonima santa. Attualmente, Santa Sabina all'Aventino rappresenta il perfetto esempio di basilica cristiana del V secolo. Alla destra del portale ligneo è situata una colonnina che indica il luogo dove, secondo la tradizione, S. Domenico passava le notti in preghiera; sopra vi è posta una pietra di basalto nero, probabilmente un peso romano. Proseguimento per l’isola Tiberina, uno dei luoghi più belli e più suggestivi della città che ci porterà dall’altra parte del Tevere. Trastevere infatti è senza dubbio uno dei quartieri più caratteristici di tutta Roma, dove tra stretti vicoli colorati, trattorie romane, mercatini, negozietti e botteghe di artigiani, è ancora possibile perdersi per ritrovare l'essenza della Roma più autentica e genuina. Visita della famosa Basilica di Santa Maria, il primo luogo ufficiale di culto cristiano edificato a Roma e sicuramente il primo dedicato al culto della Vergine al cui interno sono custoditi preziosi mosaici ed affreschi medievali. Pranzo libero. Nel pomeriggio visita al cuore del centro storico, con le sue famose piazze: Piazza Navona, con i capolavori di Bernini e di Borromini, piazza di Spagna con la scalinata di Trinità dei Monti, piazza del Popolo, la fontana di Trevi. Rientro in hotel, cena e pernottamento.
• 5 GIORNO: ROMA
Prima colazione in hotel. Trasferimento in piazza San Pietro, circondata dall’abbraccio dello splendido colonnato del Bernini. Tempo libero a disposizione per assistere all’Angelus. Pranzo libero. Nel pomeriggio partenza per il rientro con arrivo previsto in serata.


 PRENOTA PRIMA entro il 11 giugno: € 520 + q.i. 
QUOTA DI PARTECIPAZIONE:
 € 560 + q.i. 
ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA MEDICO, BAGAGLIO, ANNULLAMENTO, COVID: € 20 

SUPPLEMENTO SINGOLA: € 120

LA QUOTA COMPRENDE: Autobus GT - Auricolari per tutta la durata del tour - Hotel 4 stelle - Cene in hotel - Guide locali come da programma - Nostro accompagnatore
LA QUOTA NON COMPRENDE: Ingressi*: Palazzo Bonifacio VII di Anagni 3 € - Giardino di Ninfa € 15,00 - Tassa di soggiorno - Bevande ai pasti - Ingressi a musei e monumenti - Tutto quanto non specificato alla voce: “La quota comprende”
*Soggetti a riconferma

• Info del viaggiatore
• Quote di iscrizione
• Partenze e trasferimenti 
Dove prenotare



 VERSIONE PDF  >